Favourite Quotes

"To you I'm an atheist; to God, I'm the Loyal Opposition" W.Allen

"A thing is not necessarily true because a man dies for it" O.Wilde

martedì 30 aprile 2013

Tutto iniziò qui...

Il CERN ha ripristinato la prima pagina internet mai pubblicata per festeggiare il 20simo compleanno del World Wide Web.
 
Il primo URL: http://info.cern.ch/hypertext/WWW/TheProject.html
 







Ecco l'articolo di Punto Informatico e quello di The Verge



Condividi su Facebook

Gesti che contano....



La NBA è la lega professionistica più orientata al futuro nel mondo.

Chi la segue sa a cosa mi riferisco, la prima lega ad avere un sito internet, la prima a gestire gli stipendi con un CAP, la prima a capire l'importanza del mercato cinese, ecc..

La NBA è la lega che ha creato la figura dell'atleta moderno, uno sportivo che non è solo giocatore ma anche testimonial di un modo di essere e testimonial commerciale di assoluto prestigio.

Se tornate a vedere alcuni video delle ultime 2 edizioni delle olimpiadi a Pechino e Londra non farete fatica a notare che i giocatori di Team USA sono acclamati in un modo differente dagli altri, il mondo tifa per loro indipendentemente dalla propria nazionalità. Non si tratta solo di Marketing, ma soprattutto di credibilità e rispetto. Chi sgarra paga sempre, senza ricorsi, senza reclami, senza polemiche.

Il breve preambolo serve solo per introdurre la vera notizia di oggi.

Nel prossimo numero di Sport Illustrated Jason Collins ha dichiarato pubblicamente la sua omosessualità, questa è una notizia perché è il primo atleta di una lega professionistica americana (e non solo aggiungerei) a dichiararsi omosessuale durante la propria attività agonistica.

Jason Collins non è uno come gli altri, si è laureato a Stanford ed era compagno di camera con un Kennedy, è un ragazzo culturalmente diverso dal giocatore che arriva dal ghetto ed a maggior ragione il gesto di oggi ha ancora più rilevanza.

Per chi mastica l'inglese consiglio vivamente la lettura dell'articolo, per gli altri riporto alcuni passaggi molto significativi:

Volevo fare quello che era giusto e non nascondermi più, voglio lottare per tolleranza, integrazione e compresione, voglio predere posizione e dire "anche io ".
Mi chiedono come prenderenno la notizia gli altri giocatori. Semplicemente, non ne ho idea. Sono pragmatico spero nel meglio ma mi preparo per il peggio. La preoccupazione maggiore sembra essere che i giocatori gay possano comportarsi in modo non professionale nello spogliatoio. Credetemi, ho fatto tante volte la doccia in 12 anni da pro. Non era un problema prima e non lo sarà poi, il mio modo di comportarmi non cambierà.
Qualcuno insiste dicendo di non aver mai incontrato persone gay. Ma la regola dei 3 gradi di separazione di Jason Collins dimostra che nella NBA nessuno può dirlo. La NBA è una famiglia, e come ogni altra ci sono fratelli sorelle o cugini che sono gay. Nella "Fratellanza" NBA è appena successo che uno è uscito allo scoperto


Condividi su Facebook

lunedì 29 aprile 2013

Ricoletta e le altre pilloline...

Abbiamo un nuovo premier. un nuovo governo, molti nuovi ministri.

In ogni caso non riesco ad essere molto contento, perché più lo guardo più mi sembra un governone DC da prima repubblica che per fortuna la mia generazione non ha mai potuto vedere all'opera.

La cosa che più mi sconvolge è la totale assenza del PD nei ministeri più importanti:

- Ministero degli Interni (Angelino Alfano - PdL)
- Ministero dell'Economia (Fabrizio Saccomanni - tecnico in quota Berlusconi)
- Ministero della Giustizia (Anna Maria Cancellieri - tecnico in quota Monti)
- Ministero degli Esteri (Emma Bonino - Radicali)
- Ministero del Lavoro (Enrico Giovannini - Tecnico)
- Ministro delle Infrastrutture e Trasporti (Maurizio Lupi - Pdl)
- Ministero della Difesa (Mario Mauro - Scelta civica)
- Ministero della Sanità (Beatrice Lorenzin - PdL)
- Ministero degli Affari Europei ( Enzo Moavero Milanesi - tecnico in quota Monti)
- Ministero delle Riforme Costituzionali (Gaetano Quagliariello - PdL)

Secondo me questa ripartizione è un segnale forte che questo governo non è del PD, ma è una prosecuzione del governo tecnico di Monti e soprattutto rappresenta una vittoria pazzesca di Berlusconi che ha piazzato degli uomini di fiducia in posti chiave.

Questa squadra, non può fare la legge sul conflitto di interessi, riforma della giustizia, riforme costituzionali né le riforme sul mercato del lavoro, vedo solo dei buoni nomi, dei pessimi nomi e delle persone messe lì a caso perché bisognava accontentare tutti.


Condividi su Facebook

venerdì 26 aprile 2013

Ricomincio da 3...

Quindi dopo una campagna eletttorale in cui:
  •  il PD ha considerato il PdL un partito di impresentabili. ladri capitalisti da stapazzo responsabili dello sfascio dei conti pubblici e dell'economia con il quale era impossibile allearsi
  • il PdL che trattava il PD come dei bolscevichi russi con il quale era impossibile allearsi e trattava Monti come la causa principale dello sfascio dell'economia.
  • Monti che perculava il PdL come macchietta internazionale di incapacità a governare e di scelte economiche sciagurate
 La soluzione per il nuovo governo è:

- un'alleanza dei 3 partiti
- un capo che è del PD ma nipote del numero 2 del PdL e democristiano come i montiani
- una lista di ministri politici che fa rabbrividire.
- un programma "condiviso" che di fatto non esiste e che mai esisterà

 Io mi chiedo, ma perché gli unici coerenti sono sempre leghisti e comunisti?


Condividi su Facebook

martedì 23 aprile 2013

Piccoli Renziani crescono...





Quindi oggi dopo quasi 60 giorni dalle elezioni politiche e quasi oltre 4 mesi dalle primarie, il PD pensa di proporre Matteo Renzi come premier.

Io aspetto il risultato delle consultazioni prima di fare qualsiasi considerazione, ma non posso non notare che è la peggiore soluzione possibile per il PD e sopratutto per un'eventuale ricandidatura di Matteo fra un anno.
  


Condividi su Facebook

Tutti uniti contro il razzismo negli stadi....

...a parte quando avrebbe risalto farlo.

Cori razzisti contro Boateng prima di Juventus - Milan e durante la partita.

La tifoseria è Recidiva, che in italiano significa una cosa ben precisa che aggraverebbe la situazione.

Siccome il rischio concreto era che la partita scudetto si dovesse giocare a porte chiuse la situazione si è conclusa con 30 mila euro di multa.

Ovvio che non ce l'ho con la Juve che giustamente ha le sue ragioni (erano pochi tifosi, erano isolati, era il prepartita, ecc...) però non capisco l'ipocrisia di chi è contro il razzismo ad intermittenza.

Pensate solo che risalto e che effetto avrebbe avuto un decisione di porte chiuse alla festa scudetto

Siamo il paese degli ipocriti, delle eccezioni e dei distinguo e non se ne uscirà mai.





Condividi su Facebook

lunedì 22 aprile 2013

Il presidente di tutti


 Solo 4182 spettatori.. no ma scusate siamo più di 40 milioni di maggiorenni in Italia...