Favourite Quotes

"To you I'm an atheist; to God, I'm the Loyal Opposition" W.Allen

"A thing is not necessarily true because a man dies for it" O.Wilde

giovedì 5 dicembre 2013

I pochi facinorosi...

Durante la partita Juventus - Napoli, gli ultras (parola che già da sé non implica nulla di ordinario) della squadra di casa hanno fatto cori offensivi contro l'essere napoletani, questa cosa in base ad una legge un po' contorta e con la solita applicazione assurda ha portato alla squalifica per 2 turni di entrambe le curve della Juve.
Non mi esprimo sulla decisione in quanto è uniforme è stata applicata a Milan, Inter, Juve e anche il Napoli stesso, quindi stessa legge per tutti a me in linea di principio va bene.

La dirigenza della Juventus con un gesto veramente geniale e bellissimo ha chiesto al giudice sportivo di poter convertire la pena dando accesso gratuito agli under-14 tifosi della juve così da coprire tutti quei posti vuoi che detto sinceramente sono un orrore da vedere.


Finale a lieto fine? No non direi...I ragazzini figli di tifosi, fratelli di tifosi, o amici di tifosi nonostante  la giovane età per 90 minuti consecutivi hanno apostrofato con il classico coro dei "grandi" ogni rinvio del portiere avversario "ohohohhohoho....MERDA!!!".
Il telecronista di sky durante la partita aveva fatto notare questo particolare evidenziandone che magari non era proprio una gran scena da far vedere.

Risultato finale, sentite sentite...5500 euro di multa alla Juventus...

Forse sono scemo, ma da questa cosa io traggo le seguenti conclusioni:
  • il mondo dei tifosi di calcio è interamente una grande cesta di mele marce
  • i bambini sono diventati così stando vicino ai grandi e garantiscono quel ricambio generazionale che di fatto fa sì che gli episodi di violenza non si fermino mai
  • questo caso è la dimostrazione che le teste di cazzo sono tante e non sono sterili
  • vengono puniti in modo ridicolo quelli che non c'entrano nulla; 5500€ per il bilancio della Juve è una cifra che è meno di un decimo della marginalità, in più dare la multa alla società che ha trovato una soluzione geniale alla pena inflitta la stimola a non rifarlo, quindi le prossime volte col cazzo che i bambini andranno a casa allo stadio, in definitiva ci abbiamo perso tutti e ci ha perso il movimento della Serie A verso i mercati esteri.
Per andare allo stadio oggi devi: avere la tessera del tifoso se sei in trasferta, dare la carta di identità, comprare al massimo 2 biglietti e se per caso devi cambiare nominativo sul biglietto devi consegnare la carta di identità del sostituto. Quando poi arrivi allo stadio, ti perquisiscono gli sbirri, ti perquisiscono gli addetti, ti validano il biglietto col il barcode e ti fanno passare sui tornelli, probabilmente quando il figlio di Cuffaro va a trovare il padre fa meno sbattimenti.

La soluzione al problema è prendere i nomi del settore da cui partono i cori, requisirgli l'abbonamento rimborsarli, rivendere l'abbonamento e non farli più entrare per 3 anni, poi se ne riparlerà.


Condividi su Facebook

mercoledì 4 dicembre 2013

Caro Matteo,

Caro Matteo,
sono un ragazzo di 28 anni, con una laurea ed un master presi in una prestigiosa università e che lavora per una multinazionale della consulenza da oltre 5 anni. Sono un liberale, ateo e antiberlusconiano, che per piacere e lavoro ha viaggiato in tutti i continenti, che parla inglese e un po' di spagnolo e che ovviamente non ha rappresentanza politica in Italia.

Alle primarie 2012 ti ho supportato, ho fatto anche campagna per te, ho litigato con le sezioni provinciali del PD lombardo e marchigiano e con la responsabile di seggio del secondo turno che non voleva farmi votare.
Vedevo un progetto, una roadmap (diremmo per fare i fighi), un insieme di persone che credevano nell'impresa di demolire il vecchio apparato per cominciare a fare le cose sul serio.
Poi abbiamo perso, ma nonostante tutto il mio voto al senato per responsabilità e per la prima volta nella mia vita è finito sul simbolo del PD per cercare di evitare nel mio piccolo quello che poi è successo. Da quel momento in poi ogni giorno ho avuto una delusione dopo l'altra. Io che a dicembre speravo in un governo Renzi con Monti sul colle, mi sono trovato Re Giorgio sul colle, Letta messo a prendere sberle e la Biancofiore sottosegretario.

E' passato un anno in cui non è successo nulla, la Idem è stata invitata a dimettersi per una cosa che viene da ridere se si pensa a ciò che è stato fatto da Alfano, Bonino e Cancellieri; Berlusconi con una mossa geniale è diventato capo dell'opposizione con la bocca e fedele alleato del governo con le mani e nel PD ancora nessuno che abbia detto "ho fallito, me ne vado".

Vorrei venire a votare domenica, vorrei ritrovare l'entusiasmo che avevo lo scorso anno, ma non ce l'ho...Conosco le tue proposte le ho lette, le condivido non ho dubbi su questo, ma poi sento Latorre che dice "voto Renzi" invece di dire "me ne vado", Fassino che invece di nascondersi dopo la faccenda Unipol vuole riemergere e non vedo elezioni politiche davanti a me e mi chiedo cosa è rimasto del progetto che l'anno scorso mi era così chiaro?

Se hai un minuto e vuoi provare a ritrovare uno scontento e vuoi rispondermi scrivimi una mail qui o nei commenti e se mi darai il consenso non avrò nessun problema a rendere pubblica la tua risposta o parte di essa.

Se hai avuto un minuto per leggere questa cosa non posso che ringraziarti

Ciao
SpiritoCinico



Condividi su Facebook

martedì 3 dicembre 2013

La mafia uccide solo d'estate, Recensione

Adoro andare al cinema e cerco di supportare il cinema che trova poco spazio nei grandi circuti, perché credo che sia importante scegliere bene dove destinare quegli 8 euro che ormai possono essere tranquillamente risparmiati da 2 ore di download.

Odio la mafia, odio il fatto che in questo paese la gente non ha memoria e che su livelli differenti si occupa delle cose serie solo quando si è personalmente chiamati in causa.
Queste due considerazioni mi hanno portato al cinema a vedere il nuovo film di Pierfrancesco Diliberto, conosciuto ai più come PIF di MTV e delle Iene.

La trama è presto detta PIF ripercorre la vita di un bambino che viene concepito esattamente la sera dell'inizio della guerra che i Corleonesi lanciano alle famiglie della vecchia cosa nostra e che vive nella Palermo degli anni delle grandi stragi e del terrore. Il film è una commedia, gli espedienti narrativi e i dialoghi creano una leggerezza che viene in genere spezzata dalla tragedia di un atto mafioso amplificando così l'effetto negativo di cosa nostra e della sua violenza.
Si esce dal cinema con un pugno nello stomaco, con una sensazione di aver visto un film sulla mafia che abbia realmente mostrato il lato umano di questa organizzazione ed il fatto che l'indifferenza di tutti gli abbia permesso di arrivare dov'è oggi.
Dimenticatevi storiografie tipo "Paolo Borsellino" o sceneggiate come il capo dei capi, la piovra e tutte ste cazzate; questo film è un manifesto vero dell'antimafia, ti porta a vivere lì, ti fa veramente chiedere cosa posso fare io per evitare che questo schifo continui.

Vi consiglio di andare a vederlo, di portare i bambini, di coinvolgere più persone possibili perché questo è il cinema che va premiato, questi sono i messaggi che devono essere diffusi.

Se volete veramente viverlo a tutto tondo e non siete informati sui fatti di mafia linko alcune pagine di wiki che vi consiglio di leggere prima di vederlo:
- Vittime della Mafia (notate la numerosità degli anni '70/'80/'90) leggete Dalla Chiesa, Chinnici, La Torre, Giuliano, Salvo Lima oltre ai nomi più noti.
- Maxiprocesso

Ecco il trailer del film:


 Ecco l'intervista di PIF da Fazio, in rete ce ne sono anche altre:




Condividi su Facebook

venerdì 29 novembre 2013

India

Oggi si parla di India.
Inizio dalla fine, per quello che ho visto io, questo è veramente un Paese nel quale non tornerei neanche per uno scalo.
Ho avuto la fortuna/sfortuna di mettere piede in tutti i continenti del mondo, diciamo che l'unico grande popolo che ancora non ho conosciuto nella loro terra sono i cinesi, per il resto passando da USA,Canada, Brasile,Argentina, Tunisia, Capo verde, Australia, Russia, Arabi e tutta l'Europa mi sono fatto un'idea di come ogni popolo si comporti a casapropria.

Gli Indiani sono un popolo che semplicemente non dà priorità al mantenere piacevole il posto in cui vive e che non sembra minimanete interessarsi alla propria evoluzione.
Cerco di spiegare il concetto partendo da singoli episodi che mi sono capitati.
  • Rifiuti
Durante una giornata intera di viaggio all'interno della città di PUNE in cui ho visitato anche luoghi affollati e turistici non ho trovato nessun cestino per gettare i rifiuti. In India i rifiuti sono semplicemente gettati a terra, ovunque nei parchi, nei marciapiedi, ai lati della strada nei fiumi, non è una questione di essere schifittoso tutt'altro, ma vivere in mezzo ai propri rifiuti è un problema e non un'usanza.
  • Traffico e Mezzi Pubblici
Gli autobus cadono a pezzi le persone viaggiano aggrappate alle porte, il traffico è sostanzialmente affrontato con la regola "vale tutto". Alcuni flash: i motociclisti non hanno caschi e sono il 60% del traffico, il senso di marcia è arbitrario, i semafori sono rarissimi, non ci sono passaggi pedonali né marciapiedi.
La situazione tipo è una strada di 4 corsie con gente che cammina su entrambi i lati qualcuno che cerca di attraversare in punti impensabili ed in mezzo macchine, moto, apette e autobus che usano le 4 corsie per i propri comodi e che usano il clacson come richiamo in quanto il loro governo chiede di farlo.
  • Persone
Gli indiani sono ospitali, ma non sono sinceri e sanno di non esserlo. Nessun indiano vi dirà mai no, nessun indiano vi dirà mai non so, ma piuttosto vi raccontano delle cose in maniera fantasiosa e diverse se chieste in tempi differenti. Questa cosa la fanno anche tra loro nei meeting di lavoro, e credo sia uno dei motivi per cui quel paese non farà mai il salto di qualità
  • Burorazia
Se dovete prendere un volo immaginate i controlli europei e moltiplicateli per 5. Faccio un esempio immaginatevi al gate pronti per salire in aereo, c'è un addetto che strappa il biglietto, uno che lo controlla, uno che controlla il biglietto di nuovo 10 metri dopo, una guardia che controlla il passaporto dopo altri 10 metri ed un ultimo controllo in aereo.
La Burocrazia in India è la principale fonte di occupazione, sono troppi, sanno di esserlo e per garantire più lavoro possibile creano procedure e prassi mirate al generare un livello di entropia che è esattamente un millimetro sotto il livello di sbrocco generalizzato.
  • Turisti
Mi sono fatto un'idea anche degli stranieri che vanno lì per turismo ed ho capito 3 cose:
- Nessuno ti dirà mai quello che veramente pensa dell'India, il viaggio è costoso, faticoso ed alla fine della fiera è una sorta di viaggio verso cose oggettivamente brutte (morti in strada, malformazioni, povertà, vita rurale, malattie,...). La frase classica usata per definire il viaggio in India è "Ti cambia la vita" che non è il "devi assolutamente andarci" che viene detto da persone che per esempio sono andate a Petra od a Theran.
- Solo il 5% di chi ci è stato ti dirà che vorrebbe tornarci
- Solo l'1% di chi ti dice che ci tornerà lo crede sul serio

Capisco di generalizzare molto, so che l'India è grande e prego chiunque sia stato là che abbia un'idea diversa dalla mia di commentare o scrivermi, perché vorrei veramente riuscire a cambiare idea su questo enorme paese che mi ha veramente deluso.


Condividi su Facebook

giovedì 12 settembre 2013

Colori e Sensori

Il 10 Settembre Apple ha tenuto il classico Keynote di presentazione di iPhone.
Per chi se lo fosse perso si può vedere qui.

L'ho seguito in live-bloggin' da engadget e poi ho visto l'intero show e devo dire che gli effetti sono molto differenti, vedere l'evento aiuta a capire il non detto.

In definitiva ecco le mie impressioni:

- Software: iOS 7 è bello, dal 18 settembre tutti i possessori di iPhone avranno di fatto un nuovo telefono da scoprire. La suite iWork sarà resa gratuita per i nuovi clienti così da favorire la diffusione di iCloud ed arginare quella merda di suite messa a disposizione da GoogleDrive. L'impressione è comunque di un OS che ancora è un passo indietro.

- iPhone 5C: è un iPhone 5 di policarbonato (materiale usato da tutti i competitor per i loro top di gamma) e disponibile in 5 colori. Chi aspettava un prodotto economico, oltre ad essere uno che non capisce cosa rappresenta Apple, è rimasto deluso il prezzo sarà intorno ai 600€. A mio avviso il 5C è un telefono perfetto per chi fa sport o in generale presta poca attenzione al telefono.

- iPhone 5S: esteticamente è un iPhone 5, ma all'interno Apple ha di nuovo reinventato tutto e messo la competizione su un livello più alto. 5S è il primo telefono al mondo a 64-bit che per molti di voi non significa nulla ma per chi un minino ha dimestichezza con le CPU è una cosa sconvolgente. 5S è il doppio più veloce del 5 e di qualsiasi altro telefono in commercio, una nuova frontiera è stata abbattuta e lo ha fatto Apple.
Touch ID, quante volte avete detto che palle digitare tutte queste password, problema risolto chip biometrico che vi riconosce dall'impronta digitale. Anche qui siamo su un nuovo livello, qualcosa che non esiste in altri telefoni e che tra un anno vedremo su tutti i telefoni dei competitor proprio come il 64-bit.
Fate una cosa, segnatevi i nomi di chi oggi dice che queste 2 cose sono cazzate e ne riparliamo tra 2 anni, succederà esattamente come per Flash, i lettori DVD, la tastiera touch, l'app store, tutti lì a fare quello che fa oggi apple.

- Altri spunti:
  • Il colore Gold sembra un abominio
  • Prima volta che la China fa parte dei paesi al lancio: questo vuol dire che tutti i telefoni della seconda ondata saranno venduti già in Cina alla prima.
  • Italia, siamo ufficialmente la serie B mondiale vedremo i telefoni solo a Dicembre, questa cosa si collega al primo punto, in passato Apple rilasciava ai paesi premium un mese di anticipo e poi tutti gli altri di fascia 2, quest'anno non possono perché la Cina ha da sola una domanda troppo grande per pensare ad altri paesi di poveri come Italia e Spagna.
  • Nel keynote non sono state fatte DEMO del Touch ID, peccato
  • Jobs era un'altra cosa nel presentare, se lo avesse presentato lui ora anziché criticare staremmo tutti ad ammirare l'ennesimo prodotto veramente innovativo di Apple.


Condividi su Facebook
 

lunedì 2 settembre 2013

Back to work

In realtà io ho ricominciato il 19 agosto ed ho già fatto in tempo a perdere ogni beneficio delle poche ferie fatte.

In ogni caso si riparte, il picco di lavoro che mi ha tenuto lontano dal blog per mesi sembra passato e magari riesco a scrivere quanto vorrei.

Non voglio commentare nulla di quanto successo a B. perché siamo in balia di folli a tutti i livelli. Berlusconi è stato condannato ad un reato contro lo stato in cassazione e ne va preso atto ed ogni manina che si alza e dice si però andrebbe liquidata con una pernacchia, invece in qualche modo si salverà anche stavolta.

Vorrei avere un'idea sulla Siria, ma non riesco ancora ad averla, presto ne scriverò comunque qualcuno dovrebbe passare a DC e riprendersi il nobel per la pace assegnato in maniera sciagurata qualche anno fa e sono sicuro che Obama sarebbe il primo a voler cancellare quel momento ipocrita e fuori dal mondo.







Condividi su Facebook

lunedì 29 luglio 2013

Ricoletta e i cavalieri della tavola rotonda

Ieri per caso mi sono imbattuto in questa cosa:


Ora, io mi chiedo, ma come cazzo ti viene in mente di uscire con questa dichiarazione? Che poi anche lì se i redditi sono i tuoi non capisco come tua mamma o tuo padre possano impedirti di pubblicare i tuoi dati.

Non me ne capacito, il capo di un governo in cui una Ministro è stato costretto a lasciare per un'inezia ed un altro che è ancora al suo posto nonostante abbia infranto qualsiasi convenzione internazionale in materia di diritti dell'uomo.

L'unica cosa che stanno facendo è un decreto del Fare che dopo mesi ancora è in ballo, siamo ufficialmente senza alcuna decisione presa da parte del governo da Dicembre 2012.




Condividi su Facebook

martedì 16 luglio 2013

....dove eravamo rimasti?

Per quei pochi che non sapessero cosa ho fatto negli ultimi 5 mesi e soprattutto il perché pubblico un post ogni prepensionamento di papa, la risposta la trovate qui.

Non tanto per la parte grafica, ma in tutto ciò che non si vede c'è del nostro e da oggi è live.




Condividi su Facebook

mercoledì 10 luglio 2013

Autostrada...questa sconosciuta

Percorro più di 25 mila chilometri all'anno  di cui il 70% in autostrada.
L'autostrada è un mondo che ha le sue regole diverse da quelle del codice della strada, ma dettate da anni di viaggi, esperienze e incidenti. Ecco quelle che ho imparato negli ultimi 5 anni:

1 - Nel Weekend in autostrada ci sono i rincoglioniti, ovvero gente che la prende così raramente da non capire dove è finito. I rincoglioniti sono un gruppo eterogeno uomini,donne e vecchi che decidono di entrare in questo magico mondo credendo di essere sulla statale di Sarnano o in corso Sempione a seconda del loro normale habitat. Come ci si difende da loro, se sono in terza corsia attacarsi dietro è l'unico modo di farli spostare, se non potete superarli, siete fottuti.

2 - I lavori sono sempre nei posti sbagliati, nei momenti sbagliati, anche da questo non se ne esce. Ogni tanto dovrebbero castrare chi sceglie di fare i lavori in A14 a luglio.

3 - Il limite di velocità è 145 Km/h, il 92% delle multe di tutor sono fatte a chi va oltre i 146 Km/h effettivi ovvero i 155 di un tachimetro medio, fatevene una ragione, chi guida in autostrada lo sa ed è semplicisimo riconoscerli.

4 - Il tutor non si bypassa inchiodando sotto i gate, il concetto di velocità media sembra molto complesso da capir. Iinoltre, la presenza del cartello che dice "controllo elettronico della velocitá" non sta ad indicare che l'autovelox è esattamente in quel punto, ma il coglione che inchioda lo trovi sempre

 5 - "Usare la corsia a destra più libera" questa è la regola che vale dal lunedì al venerdì, sabato e domenica c'è una versione alternativa che recita "Usare la corsia a destra più libera che non sia la prima, ma se potete rimanete sulla terza". Corollario di questo e legata al punto 1 c'è superate a destra i rincoglioniti perché tanto loro in prima corsia non ci rientreranno mai.

6 - Molti camionisti fanno manovre pericolose, ma non si può negare che guidando mezzi così grandi ogni loro gesto è amplificato, loro non rientrano nel punto 1 per definizione e generalmente sanno come non creare problemi, bisogna rispettarli e non sfidarli perché loro guidano un bestione e tu anche se hai un hummer le prendi.

7 - Il telepass è ancora poco diffuso, la gente preferisce fare un'ora di fila e spendere 15 € di gasolio al casello di melegnano piuttosto che spenderne 20 per farsi il telepass è come abitare al 50 simo piano e prendere le scale se soffri d'asma

8 - Gli Autogrill sono i negozi più cari della terra, unici prodotti esclusi dal rincaro categorico sono i libri di Saviano e le Red Bull. I cessi invece sono sempre decenti, almeno in quei 3/4 che frequento.

 Personaggi che popolano l'autostrada

Il tamarro: ha una punto o una giapponese modificata e quando lo superi ti fissa fiero del suo mezzo con l'attitudine di chi ti sta facendo passare e la sa lunga.
Lo strafottente: ha un suv o una sw aziendale e ti fa i fari anche quando vai più veloce di lui e quando non puoi rientrare, lo riconosci perché è al telefono ed è solo in macchina.
Lo strafottente in vacanza: è sempre lui solo che sta volta ci sono 2 bambini dietro che gli rompono le palle e lui li ignora.
Lo sfigato: è in terza corsia intento a grippare il motore della sua utilitaria. C'è un posto speciale all'inferno per le auto guidate da questi tipi. 500 km dentro una utilitaria con motore 1000cc sparata a 130 in autostrada è un'esperienza da provare.
Il timorato: non sa mai che fare e prende decisioni lentamente spesso esattamente un secondo dopo dell'ottimale, spesso fa parte della categoria rincoglioniti e generalmente ha un auto che non si nota.
Il fighetto: lo riconosci dal fatto che ha o l'A3 o la serie1 e va pianino perché sennò consuma troppo, il fighetto quando lo sorpassi è sempre convinto che lo stia sfidando, ma basta arrivare a 155/160 che smette di rompere le palle.
L' habitué: quello che sa come ci si comporta in autostrada, sorpassa a destra quando trova le corsie piene si piazza in 3a corsia fisso a 140 col cruise control, ti fa i fari se hai spazio per rientrare e prende con filosofia le code perché sa dove sono e quando si sono. È odiato da tutti i precedenti e tacciato di essere un pericolo pubblico.



lunedì 24 giugno 2013

Il mondo al contrario

Benvenuti nel paese dove se non paghi l'ICI ti devi dimettere da ministro, ma se ti scopi delle puttane minorenni (oltre ad altre cose ben più gravi) sei vittima della giustizia ad orologeria.

Benvenuti nel paese dove di fronte ad una cosa del genere la gente dice, hanno sbagliato entrambi.

Benvenuti nel paese dove, però che figa Ruby.

Benvenuti nel paese dove...cazzo non gioca Balotelli.

Benvenuti nel paese dove invece di evitare di far salire l'IVA si cerca di dare la colpa a quelli prima, come se fossero diversi da quelli di adesso.

Benvenuti nel paese dove la rete sono 10 mila persone e dove se dai del fascista ad uno che usa metodi fascisti ti risponde che non capisci un cazzo.

Benvenuti nel paese dove adesso tutti pensano a Renzi, ma col cazzo lo hanno votato alle primare.

Benvenuti nel pasese che continua a spendere miliardi per delle guerre che non finiranno mai, e dove muoiono dei soldati a cui dobbiamo pure ipocritamente fare i funerali di stato

Benvenuti nel paese dove Vendola è l'unico politico coerente, pur dicendo delle cose che neanche lui capisce



Condividi su Facebook

giovedì 13 giugno 2013

Giusto una roba veloce

Magari qualcuno ha notato che non scrivo nulla da una settimana, e si chiede dove sono finito o se questo esperimento del blog fosse già svanito.

No, la voglia di scrivere è tanta, ma semplicemente non ho tempo, gli unici ritagli che avrei sono dopo la mezzanotte e dopo 15 ore di monitor ricominciare a scrivere è veramente impensabile.

E' successo di tutto negli ultimi tempi, un immigrato si è messo a picconare la gente, un fascista è stato cacciato da Roma a calci in culo, la rivolta del nord Africa sta colpendo la Turchia, è venuto fuori quello che sapevamo tutti sulla NSA e il fatto che siamo spiati 24/7, Apple ha presentato le sue novità, gli spurs sono riusciti a vincere a Miami e sono sul 2a1, il Barca ha comprato Neymar e via dicendo, Grillo ha finito le persone con cui incazzarsi e Siena vincerà lo scudetto.

L'unica cosa che non si muove è il governo italiano, neanche una decisione presa se non quella di ribadire la nostra presenza in Afganistan dove continuano ovviamente (perché c'è una guerra) a morire.

Ci riaggiorniamo


PS: detto fra noi mi piacerebbe fare il blogger molto più di quello che faccio solitamente

Condividi su Facebook

giovedì 6 giugno 2013

NBA Finals 2013

Questa notte a Miami iniziano le finali NBA 2013.

Le due squadre che odio di più si incontrano in una delle serie finali più noiose della storia. Due squadre fortissime in difesa, ma profondamente diverse in attacco. San Antonio con un attacco equilibrato fondato sui 3 pilastri Parker, Duncan e Ginobili, Miami che invece è Lebron dipendente e che gioca un basket 5 fuori che non si fa neanche nel campionato propaganda.

In ogni caso io tifo Spurs.

sabato 1 giugno 2013

Sei un comunista..

Chi mi conosce sa benissimo che sono un anticomunista vero, ma nell'Italia contemporanea chi mi vede dall'esterno o mi conosce da poco mi considera un comunista, me ne accorgo perché il mindset ormai è quello.

Mi danno del comunista perché sono antiberlusconiano, è la dicotomia dell'ignorante o sei un paladino della libertà o sei un comunista; fa niente che Berlusconi non abbia mai fatto una liberalizzazione,  abbia alzato le tasse, abbia insultato la magistratura, abbia commesso reati, abbia fatto condoni e votato indulti, il comunista sono io che sono contrario a tutte queste cose.

Mi danno del comunista perché compro Repubblica, io mi informo prevalentemente con i 130 blog e siti che seguo, ma c'è poco da fare se compri un quotidiano oggi o compri il corriere, 100 pagine di non posizioni e di noia mortale, o compri la stampa, dare soldi agli agnelli non mi piace, o compri Repubblica.

Mi danno del comunista perché indosso le maglie di Emergency, anche qui non riesco a capirne il senso. Emergency è un'azienda privata che non prende soldi dallo stato e che cura pro bono con medici volontari le vittime di guerra. Io non capisco come si possa essere ostili a Gino Strada e gli altri, magari è un mio problema.

Mi danno del comunista perché sono contrario alle missioni militari che abbiamo in giro per il mondo, ma in una crisi di spesa pubblica come la nostra che senso ha stare in Afghanistan ancora dopo 12 anni o in Iraq dopo 10 e spendere miliardi di euro pubblici.

Mi danno del comunista perché sono a favore dei diritti civili per omosessuali e conviventi e perché sono favorevole alla legalizzazione della prostituzione. Un liberale ha come principio la libertà individuale e d'impresa questi 2 punti dovrebbero essere patrimonio di cervelli pensanti non di una parte politica.

Dulcis in fundo sono comunista perché mi piacciono Moretti, Luttazzi, Celestini e Woody Allen e non faccio fatica a dire che il giorno in cui ho riso di più nella mia vita è quando ho visto Dario Fo e Franca Rame dal vivo; quando poi io chiedo cosa dovrei vedere per non essere considerato comunista mai nessuno che sa cosa rispondere.

La cosa assurda è che quelli che di sinistra cui io vorrei contrappormi sono diventati così:








Condividi su Facebook

martedì 28 maggio 2013

Siamo l'esercito, l'esercito del Surf

Se non fossimo in Italia credo che l'ideatore finirebbe in galera, non credo sia legale organizzare eserciti.


Ma detto questo, voglio portarvi all'attenzione la nuova frontiera del supporto politico, ecco a voi l'Esercito della Libertà


Condividi su Facebook

Il Grande Gatsby


Il Grande Gasby versione 2013.

Sicuramente il film più bello che ho visto al cinema nel 2013, in un'atmosfera molto contemporanea Luhrmann ricrea una New York pre crisi del '29 piena di luci.

Il colore è parte fondamentale del film, i parties sono pieni di colori ultravividi che ti colpiscono e ti fanno divertire, alcune immagini sono tributi a Lachapelle per quanto sono colorate.

Le musiche sono sempre azzeccate si passa dalla Rapsody in blue di Gershwin a Jay-Z, come se 100 anni di evoluzione musicale non esistessero.

Di Caprio è bravissimo, ma di sicuro non lo scopriamo oggi, la sorpresa è Toby Macguirre che tolta la mascherina del supereroe diventa un ottima spalla.

Se state pensando al film con Redford partite col piede sbagliato, dopo 5 minuti di film vi accorgerete della distanza concettuale tra i due lavori, questo film non è un remake è semplicemente una trasposizione cinematografica di uno dei romanzi più importanti della letteratura americana.

Consigliato veramente a tutti.

PS: sembra che il film si possa vedere in 3D, mi sono rifiutato e col senno di poi sono ancora più contento di averlo visto senza gli occhialini che avrebbero falsato i colori della pellicola.

Condividi su Facebook

sabato 25 maggio 2013

Annus monotonus


Non so cosa ne pensate voi, ma questi ultimi mesi sono stati tecnologicamente parlando un disastro.

Samsung continua a fare prodotti identici tra loro e sempre più grandi, Sony continua a costare più di quello che vale, il nuovo windows è un totale fallimento dal punto di vista dell'adozione degli utenti ed hanno già rilasciato la prima major patch.

Passando al settore gaming sappiamo che a natale usciranno la nuova x-box e la ps4 che faranno esattamente le stesse cose delle precedenti versioni, ma con qualche performance in più, la nuova wii è un catorcio.

Il mercato degli smartphone è saturo, il mercato dei pc è fermo, il mercato console è troppo caro.

Poi c'è il capitolo Apple. Da Cupertino non arrivano cose nuove da Ottobre, ed il risultato di tutto questo è un'aspettativa enorme sul prossimo evento che è il WWDC del 10 giugno. Tipicamente questo è un evento dedicato al software in cui saranno presentati iOS7 ed il prossimo Mac OS ma è inutile negarlo ci si aspetta anche qualcosa di hardware.

A mio avviso il totale silenzio di Apple ha spiazzato tutti ed i competitor senza nessuno a cui copiare non sanno dove sbattere la testa e sono ultraconservativi.

Negli ultimi 15 anni Apple ha:
- Inventato l'ipod
- Inventato il concetto di All-in-one
- Creato il proprio store digitale (musica,libri,app) e tutti hanno fatto lo stesso
- Inventato il concetto di Smatphone e tutti dietro a copiare e per certi versi anche a migliorare
- Diffuso il tablet e tutti quanti dietro a seguire
- Introdotto il concetto di ultrabook e tutti a seguire
- Creato la struttura Unibody e tutti a far i notebook di fascia altra in metallo
- Demolito il mercato dei Netbook
- Demolito il mercato dei supporti a disco
- Introdotto il cloud come servizio stabile
- Sdoganato la tecnologia rendendola fruibile anche ai non geek

è bastato un anno in cui Apple si fosse fermata e l'intero panorama è rimasto immobile. Multinazionali come Sony, Samsung, HTC, Panasonic, Toshiba, LG, Lenovo, HP tutti fermi aspettando che Tim Cook mostrasse la via verso il futuro.

In tutto questo piattume anche Google si sta adeguando e anziché proporre robe nuove chiude le vecchie, e presenta i google glass simbolo della inutilità tecnologica futura.


Condividi su Facebook

venerdì 24 maggio 2013

Refresh dei diritti civili nel mondo


Prendo spunto da questo articolo de Linkiesta.
L’ultimo paese ad aver introdotto nel proprio ordinamento il matrimonio gay è stata la Francia......Sempre nel 2013, un simile provvedimento era già stato approvato in Nuova Zelanda, il 17 aprile, e in Uruguay, l’11 aprile.
Il primo paese al mondo a legalizzare l’unione tra persone dello stesso sesso furono i Paesi Bassi nel 2000. A seguire, vennero il Belgio nel 2003 e due anni dopo Spagna e Canada. Poi, nel 2006, venne il turno del Sudafrica. Il 2008 fu la volta della Norvegia e il 2009 della Svezia. Nel 2010 anche Portogallo, Islanda e Argentina legalizzarono le coppie dello stesso sesso e nel 2012 toccò alla Danimarca.
A questo elenco vanno aggiunti il Messico – dove il matrimonio gay è legale solo nel distretto di città del Messico – e gli Stati Uniti, dove è legale solo in nove stati (Massachusetts, Connecticut, Iowa, Vermont, New Hampshire, New York, Maine, Maryland e Washington) più il District of Columbia, cioè la capitale Washington D.C., dove ha sede la Casa Bianca.
In altri paesi è possibile ricorrere ad unioni civili che garantiscono solo alcuni dei diritti del matrimonio eterosessuale. Austria, Finlandia, Germania, Ungheria, Irlanda, Liechtenstein, Svizzera, Regno Unito, Brasile, Colombia, alcuni stati del Messico, degli Stati Uniti (California, Colorado, Delaware, Illinois, Hawaii, Nevada, New Jersey, Oregon) e dell’Australia (Australian Capital Territory, Nuovo Galles del Sud, Tasmania e Victoria) hanno legalizzato unioni civili tra persone dello stesso sesso che garantiscono quasi tutti i diritti contenuti del matrimonio. Invece, Andorra, Repubblica Ceca, Croazia, Lussemburgo, Slovenia, Israele, Ecuador, il Wisconsin e alcuni stati dell’Australia (Norfolk Island, Northern Territory, Queensland, South Australia, Western Australia) offrono alle coppie dello stesso sesso solo un sottoinsieme ristretto dei diritti garantiti dal matrimonio tra eterosessuali.

Quindi direi che ci sono tutti i paesi che dovremmo tenere a riferimento, per poter migliorare il nostro, più qualcuno che ha messo la freccia e ci sta superando alla grande.
La mappa di seguito propone la situazione stato per stato, a mio avviso c'è un errore concettuale di chi ha fatto il grafico in quanto i paesi che non hanno leggi specifiche sono stati segnati in verde molto chiaro, l'effetto che si ottiene è fuorviante, io avrei utilizzato un Bianco o forse un Grigio. 
Inutile dirlo siamo ovviamente l'ultimo paese civile al mondo che ancora non si è adeguato al buon senso, ma non mi stupisco che sia così ci sono ancora 8 milioni di persone che votano il partito di Giovanardi e di Borghezio.
Io rimango dell'idea che i diritti fondamentali siano i primi punti da toccare anche in un momento di crisi come questo, questi sono i segnali che possono indirizzare il cambiamento del mindset italiano. Aggiungo una considerazione del tutto personale, il popolo italiano mi sembra molto più avanti dei politici bigotti, un elettore medio del PdL credo sia abbastanza favorevole a condere un qualcosa che non si chiami matrimonio ma che ne parifichi i diritti; il vero scoglio sembra essere quello delle azioni.
Io sono favorevole anche a concedere le adozioni secondo un graduatoria trasparente in cui i criteri siano chiari e condivisi, per convincervi uso un'argomentazione un po' strumentale, ma di fatto vera:

Preferite lasciare un neonato in orfanotrofio oppure darlo a due persone omosessuali? di fatto il succo della questione si riduce a questo.



Condividi su Facebook

mercoledì 22 maggio 2013

Nuovo sondaggio

Ho in mente qualche nuova cosa per il blog, non so quando avrò tempo di implementarla, ma per capire le priorità ho fatto un piccolo sondaggio su facebook.

Per chi non avesse facebook potete tranquillamente scrivere nei commenti

Come vi collegate al blog?


R.I.P. Don Andrea Gallo



è morto Don Gallo

 

Non poteva morirne uno di quelli allineati...doveva proprio lasciarci quello più sveglio di tutti.

Ora tutto sulle spalle di Alex Zanotelli.

Condividi su Facebook

Faccia d'Angelo



Recentemente ho avuto l'opportunità di vedere la miniserie Faccia d'Angelo, che racconta la storia di Felice Maniero e della "Mala del Brenta".

La serie è in realtà un film diviso in 2 episodi di 90 minuti che possono tranquillamente essere visti uno di seguito l'altro, è prodotta da SKY Cinema e fa parte di un filone che nasce qualche anno fa con romanzo criminale e se non erro ha prodotto anche le storie di Vallanzasca e del mostro di Firenze.

Ammetto che prima di vederlo mi sono informato sulla mala del brenta guardando la puntata di Blu Notte di Carlo Lucarelli e uno speciale di un'altra rete che adesso non mi viene in mente; rimango dell'idea che prima di approcciare alla storia di malviventi vari è indispensabile conoscere la loro vita, perché inutile legarlo i film sui criminali hanno molto spesso l'effetto contrario rispetto a quello edicativo e di condanna.
Il film è molto bello, non siamo sui livelli di Romanzo ovviamente ma in 180 minuti ovviamente non poteva essere fatto molto di più ed Elio Germano è molto credibile nel personaggio.

C'è una cosa che come nei casi della magliana mi fa riflettere, come è possibile che questi personaggi potessero ostentare quelle ricchezze accumulate illegalmente.
Anche in questo caso pensare che lo stato non sapesse è abbastanza ridicolo.

Ho solo un appunto al film, Felice Maniero nella sua genialità criminale è stato anche il primo grande pentito, dopo la seconda cattura infatti, decide di pentirsi, aiuta la polizia ad incastrare tutti i suoi ex compari ed ex avversari e in questo momento è libero e probabilmente pieno di soldi che ha dimenticato di denunciare alla polizia. Questa parte di storia è quella che in realtà a mio avviso andava valorizzata perché alla fine della fiera l'idea che sia stata la polizia o lo stato a vincere è una mezza verità.



Condividi su Facebook

martedì 21 maggio 2013

Hangouts

 Nel corso dell'ultimo Keynote Google ha presentato Hangouts, la nuova evoluzione della propria chat.

Diciamo che superficialmente per il 90% dell'uso che facevate di Gtalk le cose non cambieranno molto, mail restante 10% porta modifiche molto rilevanti.

Ne elenco qualcuna:
  1. Push su tutti i dispositivi: PC, tablet e smartphone saranno sempre aggiornati all'ultima chat quindi il dispositivo è irrilevante
  2. Multivideo: ora la chat supporta la video chiamata multipla
  3. Allegati: puoi mandare foto e documenti da google drive
Come tutte le evoluzioni portate da google, il passaggio è consigliato oggi e diventerà obbligatorio in un futuro, quindi il mio consiglio è di fare lo swich già da oggi così da non pensarci più.

Nota agli utenti iPhone e iPad, Google ha rilasciato la APP ufficiale nello store, quindi c'è per noi il vantaggio dal vecchio gtalk al nuovo Hangouts è veramente enorme, andate e scaricate.


Condividi su Facebook

lunedì 20 maggio 2013

Cri..Cri..



Ieri è morto Carlo Monni.

Leggete la filmografia e immediatamente capirete la statura artistica di questo genio teatrale d'altri tempi.

Il titolo del post arriva da uno sketch dello spettacolo di Ceccherini e Paci che consiglio a tutti di vedere.








Condividi su Facebook

sabato 18 maggio 2013

Pioggia sempre



mentre questa pioggia che non smette manda all'aria i miei discorsi come pezzi sparsi in una città che stritola dove la gente rosica e l'invidia che ti strangola dà vita ad altri scazzi 





Condividi su Facebook

venerdì 17 maggio 2013

Ipocrisie

Negli ultimi giorni è tornato alla ribalta il tema dei modelli fisici che il mondo della moda propone. Questa volta bersaglio delle critiche è Abercrombie & Fitch. Robin Lewis ha riportato alcune parole dell'AD dell'azienda:
“In every school, there are the cool and popular kids, and then there are the not-so-cool kids,” he said. “Candidly, we go after the cool kids. We go after the attractive all-American kid with a great attitude and a lot of friends. A lot of people don’t belong [in our clothes], and they can’t belong. Are we exclusionary? Absolutely."
"Abercrombie is only interested in people with washboard stomachs who look like they're about to jump on a surfboard "
La traduzione rapida e discorsiva è "In ogni scuola, ci sono i fighi e famosi ed i non fighi. Candidamente noi puntiamo ai fighi, puntiamo a tutti quelli che hanno personalità e molti amici. Molti non possono comprare nostri vestiti perché vogliamo essere esclusivi e non vogliamo che quelli sovrappeso possano vestirsi da noi, Noi siamo interessati a quelli atletici che possono andare a fare surf".
Oltre a queste considerazioni ne aggiunge un'altra ineccepibile di business che dice, se cerchi di accontentare tutti allora nessuno si sentirà realmente contento (effetto Lacoste), Noi puntiamo ad accontentare solo la nostra piccola parte, ma la valorizziamo.

Premetto che forse vado controcorrente, ma io appoggio totalmente la sua visione come dirigente aziendale e inoltre ricordo a tutti i criticoni che di magliette se ne possono comprare allo stesso prezzo in mille altri negozi.

Detto questo, c'è un punto importante. Non si può fare di tutta l'erba un fascio perché il modello che Abercrombie segue non è un ragazzo anoresicco che a malapena sta in piedi, ma un atletico giovane in forma, il che mi sembra tutto tranne che un messaggio negativo soprattutto in nazioni come quelle occidentali dove l'obesità in età giovanile sta crescendo in maniera esponenziale.
Bisogna capire le differenze e combattere i messaggi sbagliati, bisogna entrare nelle pieghe dei problemi e capirne le sfumature, capirne le differenze:


Sennò si dicono solo stronzate ovvero che un'azienda deve produrre le taglie XXL perché sennò vuol dire che discrimina.






Condividi su Facebook

giovedì 16 maggio 2013

Easter Egg



Gli "Easter Eggs" (letteralmente uovi di pasqua) nel gergo informatico indicano alcune funzionalità nascoste nei programmi software, il nome deriva proprio dal fatto che le nuove funzionalità siano delle soprese all'interno dei programmi principali
Ce ne sono ovunque, in windows, in excel ed attualmente gli easter egg sono molto diffusi anche in pagine web tipo quella di google.

Per capire di cosa sto parlando andate nella pagina di ricerca di Google immagini e digitate "atari breakout".

Buon divertimento.




Condividi su Facebook

L'amaca amica


Michele Serra:



Punto.

Condividi su Facebook

mercoledì 15 maggio 2013

Back to past

Poi capita che sei a cena con un nuovo collega lituano che vive in Germania e quando arriva il conto del ristorante ti chiede " Ma perchè nello scontrino c'è l'importo in lire?".

Abbasso gli occhi e in effetti oltre all'importo in € c'era quello in lire calcolato col tasso di cambio del 2000.

Sarà un caso, sarà una sciocchezza, ma poi alla fine credo siano questi piccoli particolari che più di molte altre cose spiegano il nostro attaccamento al passato e la nostra impossibilità di vero progresso.

Ps: sto lavorando troppo, questo è il motivo per cui scrivo poco.

venerdì 10 maggio 2013

Norway or No way...


Come qualcuno saprà sono stato qualche giorno in Norvegia, o per essere più precisi ad Oslo.

Breve storia della nazione: non succede sostanzialmente niente fino alla seconda metà del '900 fino a quando capiscono di galleggiare sul petrolio e diventano la seconda nazione al mondo per PIL procapite.

Cose che ho imparato sulla Norvegia:

  • Gli stipendi sono altissimi: pensate al vostro, raddopiate fate + 10% ecco ci siete.
  • Le tasse sono alte, ma lo stato sociale ti aiuta in ogni occasione, è quasi impossibile essere poveri in Norvegia
  • Gli affitti sono paragonabili a Milano, ma la vita costa di più grossomodo in ogni aspetto.
  • Non c'è l'Euro e non credo ci sarà mai.
  • La qualità della vita dei residenti si percepisce immediatamente, non è tanto il fatto che sia un paese pulito o cordiale ma quanto il fatto che tutto è semplice e che tutto funziona esattamente come se una persona di intelligenza media, ma dotata di buon senso l'avesse disegnato.
  • Il rispetto delle regole è un concetto che non conoscono, mi spiego meglio: per sapere cosa significa rispettare una regola devi capire la differenza che c'è tra infrangerla e rispettarla. Loro dovendo esclusivamente usare il buon senso per vivere, non si accorgono nemmeno di star seguendo delle regole.
  • Se piove non usano ombrelli, probabilmente piove talmente spesso che per loro è un invariante.
  • La monarchia è invisibile, sono stato 5 giorni e non ho mai visto né un TG né un giornale né un manifesto che parlava della famiglia reale; non so come si chiama il loro Re né che faccia abbia.
  • Le infrastrutture sono sostanzialmente nuove, questo credo sia dovuto più che altro al fatto che tutto ciò che c'è è stato costruito nell'ultimo secolo, solo in Australia ho avuto lo stesso effetto
  • Tutti fanno Jogging, il che è anche normale visto che lavorano dalle 08.00 alle 16.00 e che non hanno nulla di culturalmente rilevante da fare nel tempo rimanente.

So perfettamente che leggendo queste cose viene da dire è il posto perfetto dove vivere, ma in realtà non ho avuto quell'impressione. Non ci vivrei, non credo ci siano molti italiani che possano viverci è tutto quasi finto e per uscire dalla nazione comunque devi prendere un aereo.




Condividi su Facebook

lunedì 6 maggio 2013

Il Divo

Dicono sia morto Giulio Andreotti,


è proprio un peccato che in Svervegia io non possa vedere il plastico con la Gobba che stasera Vespa immagino esporrà.





Condividi su Facebook

Svervegia...

Sono in Svervegia.

Il blog presumibilmente torna venerdì.

Stay tuned.


Condividi su Facebook

venerdì 3 maggio 2013

The sky is turning red

Se n'è andato uno dei 4 cavalieri degli Slayer.

Li ho visti 2 volte dal vivo, la loro parete di Marshall era inimitabile, storia del Metal, una band inossidabile fino a questa notte.

Ora le cose cambiano dopo 27 anni che suoni con la stessa formazione non è facile riprendere.

Ciao Jeff



mercoledì 1 maggio 2013

19 anni...

19 anni fa moriva Ayrton Senna a Imola durante il Granpremio di San Marino.

Un'icona, un simbolo, uno sportivo unico, un intellettuale che da solo trainava un paese che in quegli anni non era neanche lontanamente paragonabile ad oggi.

Ciao campione...

martedì 30 aprile 2013

Tutto iniziò qui...

Il CERN ha ripristinato la prima pagina internet mai pubblicata per festeggiare il 20simo compleanno del World Wide Web.
 
Il primo URL: http://info.cern.ch/hypertext/WWW/TheProject.html
 







Ecco l'articolo di Punto Informatico e quello di The Verge



Condividi su Facebook

Gesti che contano....



La NBA è la lega professionistica più orientata al futuro nel mondo.

Chi la segue sa a cosa mi riferisco, la prima lega ad avere un sito internet, la prima a gestire gli stipendi con un CAP, la prima a capire l'importanza del mercato cinese, ecc..

La NBA è la lega che ha creato la figura dell'atleta moderno, uno sportivo che non è solo giocatore ma anche testimonial di un modo di essere e testimonial commerciale di assoluto prestigio.

Se tornate a vedere alcuni video delle ultime 2 edizioni delle olimpiadi a Pechino e Londra non farete fatica a notare che i giocatori di Team USA sono acclamati in un modo differente dagli altri, il mondo tifa per loro indipendentemente dalla propria nazionalità. Non si tratta solo di Marketing, ma soprattutto di credibilità e rispetto. Chi sgarra paga sempre, senza ricorsi, senza reclami, senza polemiche.

Il breve preambolo serve solo per introdurre la vera notizia di oggi.

Nel prossimo numero di Sport Illustrated Jason Collins ha dichiarato pubblicamente la sua omosessualità, questa è una notizia perché è il primo atleta di una lega professionistica americana (e non solo aggiungerei) a dichiararsi omosessuale durante la propria attività agonistica.

Jason Collins non è uno come gli altri, si è laureato a Stanford ed era compagno di camera con un Kennedy, è un ragazzo culturalmente diverso dal giocatore che arriva dal ghetto ed a maggior ragione il gesto di oggi ha ancora più rilevanza.

Per chi mastica l'inglese consiglio vivamente la lettura dell'articolo, per gli altri riporto alcuni passaggi molto significativi:

Volevo fare quello che era giusto e non nascondermi più, voglio lottare per tolleranza, integrazione e compresione, voglio predere posizione e dire "anche io ".
Mi chiedono come prenderenno la notizia gli altri giocatori. Semplicemente, non ne ho idea. Sono pragmatico spero nel meglio ma mi preparo per il peggio. La preoccupazione maggiore sembra essere che i giocatori gay possano comportarsi in modo non professionale nello spogliatoio. Credetemi, ho fatto tante volte la doccia in 12 anni da pro. Non era un problema prima e non lo sarà poi, il mio modo di comportarmi non cambierà.
Qualcuno insiste dicendo di non aver mai incontrato persone gay. Ma la regola dei 3 gradi di separazione di Jason Collins dimostra che nella NBA nessuno può dirlo. La NBA è una famiglia, e come ogni altra ci sono fratelli sorelle o cugini che sono gay. Nella "Fratellanza" NBA è appena successo che uno è uscito allo scoperto


Condividi su Facebook

lunedì 29 aprile 2013

Ricoletta e le altre pilloline...

Abbiamo un nuovo premier. un nuovo governo, molti nuovi ministri.

In ogni caso non riesco ad essere molto contento, perché più lo guardo più mi sembra un governone DC da prima repubblica che per fortuna la mia generazione non ha mai potuto vedere all'opera.

La cosa che più mi sconvolge è la totale assenza del PD nei ministeri più importanti:

- Ministero degli Interni (Angelino Alfano - PdL)
- Ministero dell'Economia (Fabrizio Saccomanni - tecnico in quota Berlusconi)
- Ministero della Giustizia (Anna Maria Cancellieri - tecnico in quota Monti)
- Ministero degli Esteri (Emma Bonino - Radicali)
- Ministero del Lavoro (Enrico Giovannini - Tecnico)
- Ministro delle Infrastrutture e Trasporti (Maurizio Lupi - Pdl)
- Ministero della Difesa (Mario Mauro - Scelta civica)
- Ministero della Sanità (Beatrice Lorenzin - PdL)
- Ministero degli Affari Europei ( Enzo Moavero Milanesi - tecnico in quota Monti)
- Ministero delle Riforme Costituzionali (Gaetano Quagliariello - PdL)

Secondo me questa ripartizione è un segnale forte che questo governo non è del PD, ma è una prosecuzione del governo tecnico di Monti e soprattutto rappresenta una vittoria pazzesca di Berlusconi che ha piazzato degli uomini di fiducia in posti chiave.

Questa squadra, non può fare la legge sul conflitto di interessi, riforma della giustizia, riforme costituzionali né le riforme sul mercato del lavoro, vedo solo dei buoni nomi, dei pessimi nomi e delle persone messe lì a caso perché bisognava accontentare tutti.


Condividi su Facebook

venerdì 26 aprile 2013

Ricomincio da 3...

Quindi dopo una campagna eletttorale in cui:
  •  il PD ha considerato il PdL un partito di impresentabili. ladri capitalisti da stapazzo responsabili dello sfascio dei conti pubblici e dell'economia con il quale era impossibile allearsi
  • il PdL che trattava il PD come dei bolscevichi russi con il quale era impossibile allearsi e trattava Monti come la causa principale dello sfascio dell'economia.
  • Monti che perculava il PdL come macchietta internazionale di incapacità a governare e di scelte economiche sciagurate
 La soluzione per il nuovo governo è:

- un'alleanza dei 3 partiti
- un capo che è del PD ma nipote del numero 2 del PdL e democristiano come i montiani
- una lista di ministri politici che fa rabbrividire.
- un programma "condiviso" che di fatto non esiste e che mai esisterà

 Io mi chiedo, ma perché gli unici coerenti sono sempre leghisti e comunisti?


Condividi su Facebook

martedì 23 aprile 2013

Piccoli Renziani crescono...





Quindi oggi dopo quasi 60 giorni dalle elezioni politiche e quasi oltre 4 mesi dalle primarie, il PD pensa di proporre Matteo Renzi come premier.

Io aspetto il risultato delle consultazioni prima di fare qualsiasi considerazione, ma non posso non notare che è la peggiore soluzione possibile per il PD e sopratutto per un'eventuale ricandidatura di Matteo fra un anno.
  


Condividi su Facebook

Tutti uniti contro il razzismo negli stadi....

...a parte quando avrebbe risalto farlo.

Cori razzisti contro Boateng prima di Juventus - Milan e durante la partita.

La tifoseria è Recidiva, che in italiano significa una cosa ben precisa che aggraverebbe la situazione.

Siccome il rischio concreto era che la partita scudetto si dovesse giocare a porte chiuse la situazione si è conclusa con 30 mila euro di multa.

Ovvio che non ce l'ho con la Juve che giustamente ha le sue ragioni (erano pochi tifosi, erano isolati, era il prepartita, ecc...) però non capisco l'ipocrisia di chi è contro il razzismo ad intermittenza.

Pensate solo che risalto e che effetto avrebbe avuto un decisione di porte chiuse alla festa scudetto

Siamo il paese degli ipocriti, delle eccezioni e dei distinguo e non se ne uscirà mai.





Condividi su Facebook

lunedì 22 aprile 2013

Il presidente di tutti


 Solo 4182 spettatori.. no ma scusate siamo più di 40 milioni di maggiorenni in Italia...